Saluto e Sondaggio


Volevo cominciare ringraziando tutti quelli che, alla notizia del nuovo lavoro, hanno lasciato commenti di incoraggiamento e mandato mail di sostegno. Non me l'aspettavo e mi ha fatto davvero molto piacere.

Non ci sono stati cambiamenti drastici, ma mi sto ancora abituando al nuovo orario e alle coincidenze dei mezzi che devo prendere adesso. E' presto per formulare un giudizio, ma spero di trovarmi bene.

Purtroppo, sto aggiornando molto meno frequentemente il blog. Ho molti progetti, ma in questo momento manca il tempo per realizzarli. Spero di riuscire a organizzarmi meglio nelle prossime settimane e a riprendere a pubblicare con la solita regolarità. Per ora, abbiate pazienza...

Chiudo il post di oggi con una specie di sondaggio sul lavoro nell'era del precariato:
Tra un posto fisso molto noioso e un lavoro avvincente con un pessimo contratto, voi cosa scegliereste?
Meglio andare sul sicuro o correre il rischio per seguire le proprie passioni?
Vi è mai capitato di dover fare una scelta simile?

A presto...


25 commenti:

  1. Sarebbe meglio seguire le proprie passioni,e se riesci a farlo complimenti, ma spesso la realtà dei fatti te lo impedisce....un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Se vuoi ti posso raccontare la scelta di "mediazione" che ho fatto io: terminata la laurea magistrale a giugno 2010 ho iniziato subito a lavorare nel settore web e nell'arco di un anno ho cambiato 3 posizioni lavorative, sempre in ambito web che è la mia passione e ok, ma con contratti a progetto che definire ridicoli era dire poco...Nel frattempo il mio blog ha iniziato ad avere i suoi piccoli successi e quindi mi sono messa in testa di provare a farlo decollare seriamente definitivamente :D Purtroppo per adesso non mi ci posso dedicare esclusivamente (non camperei) e ho quindi trovato (sono stata fortunata!) un lavoro come responsabile e-commerce per una dita di elettronica di consumo. Niente moda dunque, dalle 9 alle 13 mi dedico ai ricambi dei sacchetti dell'aspirapolvere, poi torno a casa, pranzo e mi trasformo in una blogger. A volte non smetto di scrivere fino all'una di notte, ma penso che ne valga la pena. Mi guardo indietro e vedo l'anno che ho passato tra incazzature e gastriti nervose, ora non navigherò nell'oro ma almeno ho la consapevolezza di muovere dei passi seri e motivati sulle mie gambe...
    Dunque la mia idea è quella di cercare di mediare, di questi tempi rifiutare un lavoro è un rischio e una volta che lo si accetta, in ogni caso, non si firma una condanna a morte ma si può sempre continuare a cercare qualcosa di più congeniale riuscendo al contempo a mettere via qualche soldino :)

    RispondiElimina
  3. Ho cambiato molti posti di lavoro e tipologie di lavori. I migliori sono stati quelli dove l'ambiente era bello. Arrivare sul posto di lavoro con il sorriso e l'animo leggero è impagabile. Fare un lavoro avvincente ma dover convivere con delle iene ed essere maltrattati dai superiori, beh...non è un buon affare.

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti per i commenti. Mi fa piacere leggere opinioni così personali e diverse fra loro.


    @ Alessandra
    Ti ringrazio davvero per aver condiviso la tua esperienza personale. In bocca al lupo per il futuro, penso che tu sia una persona davvero genuina e spero che tu possa raggiungere gli obbiettivi che ti sei posta.


    @Daffo
    Questo era un punto di vista che non avevo davvero considerato. A volte tendiamo a guardare più ai lati pratici di un contratto (scadenza, stipendio, orari) e ci perdiamo il lato umano. Dopotutto passiamo un terzo della nostra giornata a lavoro, ed è bello trovare un ambiente in cui si possa essere sereni. Grazie.

    RispondiElimina
  5. scusa se arrivo con l'ultimo treno... io ho fatto per più di vent'anni un lavoro sicuro che odiavo. non lo augurerei nemmeno al mio peggior nemico. se potessi tornare indietro, me ne fregherei della sicurezza e cercherei di fare qualcosa che mi piace veramente. Daffo comunque ha ragione, un buon ambiente è fondamentale. un paio di mio amiche hanno avuto l'esaurimento nervoso per colpa di colleghe stronze.

    RispondiElimina
  6. @ Guchi
    Grazie per l'intervento. Mi rendo conto che è un tema abbastanza personale e quindi sono molto grata a chi ci mette del suo. Hai notato come si parla spesso di "colleghe stronze" e molto meno di "colleghi stronzi"?! Sarà vero che gli ambienti maschili portano meno conflitti?

    RispondiElimina
  7. ..Mi mandi i risultati del sondaggio?
    Bacis

    RispondiElimina
  8. attendiamo tue notizie allora...un abbraccione

    RispondiElimina
  9. ehh che bella domanda...se fosse facile rispondere!l'unica cosa che so è che sono a - 4 dalla laurea e ho una paura pazzesca della giungla che è il mondo del lavoro :(...però cmq in bocco a lupo a te per tutto :)

    RispondiElimina
  10. @ FL
    Simpatica come sempre! :D


    @ Amoon
    Grazie, caro. Cercherò di aggiornarvi presto. :)


    @ IMeMine
    Beh, non ha molto senso fasciarsi la testa prima di iniziare e poi, nonostante tutto ci sono ancora delle realtà felici. :)

    RispondiElimina
  11. Bella domanda! Mi sono laureata da poco e sto ancora cercando di capire cosa dovrei fare...paura! Cmq boh, forse tenterei il lavoro entusiasmate...ad accantonare i sogni c'è sempre tempo e non lo si fa mai volentieri...:-/

    Grazie per la visita sul blog...e complimenti per il lavoro!! ^^

    RispondiElimina
  12. @ Strawberry
    In bocca al lupo per le scelte lavorative a venire. Buon weekend. :)

    RispondiElimina
  13. ciao green, mi lasci qua sotto il tuo indirizzo e-mail. ti mando l'invito per leggere il mio blog. per un po' sarà chiuso al pubblico del web, ma aperto per i lettori usuali. grazie.

    RispondiElimina
  14. Hey gran bel blog Maddie!
    Io sceglierei il lavoro che mi piace con un pessimo contratto..infatti faccio l'insegnante precaria: inizio a lavorare a settembre, finisco a giugno e guadagno pochissimo...ma io lo adoro!!! :-)
    Besos

    RispondiElimina
  15. @ Daffo
    Il mio indirizzo é:
    maddelaine.green(chiocciola)gmail.it
    Come mai la decisione di bloccare il blog? è successo qualcosa?
    Grazie mille per avermi avvisata.


    @ La Maja
    Grazie mille per il commento. E' bello vedere che c'è ancora gente in giro che segue le proprie passioni. Ti auguro ogni bene per l'inizio del nuovo anno scolastico. :)

    RispondiElimina
  16. ti ho mandato l'invito, e nel post descrivo i motivi. grazie green :0)

    RispondiElimina
  17. @ Daffo
    Scusa, ho commesso un errore. L'indirizzo non finisce con ".it" ma con ".com"... riesci a rimandarmi l'invito? Non riesco ad accedere...

    RispondiElimina
  18. Io posto fisso molto noioso, a patto che l'orario mi permetta di prendermi delle soddisfazioni nella mia vita privata.

    RispondiElimina
  19. @ Cindry
    Mi sembra una buona filosofia. Grazie. :)


    @ Amoon
    Guarda, è un periodo davvero strano. Mi sembra di non aver tempo per niente... sto trascurando un sacco di cose, purtroppo... Cercherò di rimediare presto.

    RispondiElimina
  20. Sono stata assente per un pò esattamente per gli stessi motivi: lavoro e impegni vari! Sai, io sono della vecchia generazione e dovrei, da "mamma", consigliarti di prendere il posto fisso. Ma non riesco ad essere convinta nel consigliartelo! Un abbraccio cara e fai la tua scelta serenamente. ^_^ Zelda

    RispondiElimina
  21. capitandaffo.blogspot.com

    RispondiElimina
  22. @ Zelda
    Grazie di essere passata, capisco bene cosa vuoi dire... ci sono periodi in cui purtroppo gli impegni lavorativi prendono il sopravvento.

    @ Daffo
    Ricevuto! :)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato dal mio blog.
Lascia un commento e sarò felice di risponderti.

Post più popolari