Ciak! Si gira...


Mancano dieci minuti alle 20.00 e Marco impaziente mi avvisa che mi aspetterà in macchina. Esco senza trucco e con una manica della giacca ancora da infilare.
Ovviamente arriviamo a teatro con più di mezz'ora d'anticipo, ma non mi va di polemizzare. E' una serata speciale, stasera c'è Brachetti e siamo tutti un pochino impazienti di vedere quali sorprese avrà in serbo per noi.

La prima volta che ho visto un suo spettacolo è stato nel 2009, il Gran Varietà Brachetti, con un ricco cast di artisti bizzarri. Una serata memorabile che mi aveva divertito ma anche commosso.

Ciak! Si gira [link], il nuovo spettacolo, ha rappresentato un'esperienza diversa, un viaggio rapido e allegro tra le più famose pellicole cinematografiche, viste attraverso i ricordi di Arturo Brachetti che per un'ora e mezza si alterna tra backstage e il palco con battute, trasformazioni, ombre cinesi e siparietti.

All'uscita ascolto i commenti degli altri spettatori; si riconoscono subito quelli che sono al loro primo spettacolo. Sono quasi sbigottiti, sorpresi, non si immaginavano qualcosa di simile. Eh si, perchè dire che Brachetti si cambia d'abito velocemente è estremamente riduttivo.
Le trasformazioni sono legate da una storia, da un filo, i cambi sono a ritmo serrato ed eseguiti con una precisione svizzera... e poi si ha la sensazione che a Brachetti piaccia prendere in giro il suo pubblico.
Ti lascia intravedere un trucco, una manica di colore diverso, solo per poi cambiare rapidamente le carte in tavola.

Non oso immaginare quanta preparazione ci sia dietro a uno spettacolo del genere. Le luci e le scenografie erano davvero estremamente curate.

Cos'ho pensato io dello spettacolo?! Mi è piaciuto molto, anche se confesso che il mio preferito resta il Gran Varietà, forse proprio perchè è stato il primo che ho visto, ma anche un pochino perchè sono convinta che, quando Brachetti non è al centro della scena, le sue trasformazioni siano più inaspettate e più sorprendenti. Ricordo una scena in cui suonava un pianoforte durante l'esibizione di un'altra artista, concluso il siparietto si alzava ed era senza maglietta, se non addirittura in boxer, non ricordo, ma era stato estremamente divertente. Mi aveva fatto sentire come una bambina che guarda il suo primo trucco di magia, senza capire come ha fatto quella monetina a finire nel suo orecchio.

E voi, quand'è stata l'ultima volta che siete andati a teatro o a un'esibizione dal vivo?C'è uno spettacolo che ricordate con piacere, che vi ha colpito più degli altri?
Un saluto e a presto...

Post più popolari