Da carrellino a mobile porta PC...


Come vi avevo accennato nel post di lunedì, io e Marco siamo andati all'Ikea a prendere dei mobiletti per il salotto.

Fino a qualche settimana fa il nostro salotto era quasi esclusivamente usato come stanza hobby/ufficio, ma stiamo cercando di fare qualche modifica per usarlo anche come sala da pranzo (il tavolo della cucina ha solo 3 posti, quindi questo è un aspetto importante per noi) e, in generale per ricevere gli amici, mantenendo comunque i mobili che abbiamo già.

Come avrete capito dal titolo, abbiamo cominciato dalla zona ufficio.
La nostra scrivania è in realtà un tavolo da sei, ma volevamo trovare una soluzione per poter nascondere il PC ed i cavi.

Visto che usiamo davvero molto il PC, ci siamo concentrati sulla ricerca di un mobiletto che potesse contenere tutto il necessario e che potesse poi essere spostato agevolmente in un'altra stanza in caso di necessità.

I primi mobili che abbiamo trovato non ci convincevano completamente (alcuni erano troppo ingombranti o troppo piccoli, mentre altri sembravano più adatti ad un'officina meccanica). Alla fine ci siamo imbattuti nel Carrello Molger di Ikea [link] che teoricamente non sarebbe per il PC, ma con qualche modifica si è rivelato perfetto per le nostre esigenze.


Per personalizzarlo, Marco ha:
  • forato le barre laterali per cambiare posizione al ripiano centrale;
  • tagliato un pezzo della spondina superiore per permetterci di aprire la stampante;
  • dipinto il mobile di bianco;
  • fissato la ciabatta alla base con delle fascette (in questo modo dovremo solo scollegare una presa per spostare il mobile).

Sono davvero soddisfatta del risultato, ma non pensate che questo progetto sia stato privo di intoppi.
Dovete sapere infatti che non avevamo previsto di dover fare queste modifiche; la foto del mobile presente sul sito ikea ci aveva lasciato intendere che il piano si potesse regolare a piacimento. Il ripiano risulta invece un pochino diverso rispetto all'immagine (è più spesso ed è fissato con delle viti invece di essere semplicemente incastrato/appoggiato).

Alla fine comunque si è risolto tutto per il meglio e ne abbiamo approfittato per fare anche tutte le modifiche che vi ho elencato sopra.

Voi dove tenete il vostro PC? Avete una stanza ufficio, un angolo dedicato oppure vi siete dovuti arrangiare?

Per oggi è tutto, a presto...

12 commenti:

  1. bè, direi che il risultato è ottimo, complimenti!! io ho una scrivania molto comoda comprata da Ikea molti anni fa (suppongo che sia ormai uscita di produzione). prima avevo una semplice scrivania che era praticamente tutta occupata da pc, schermo, stampante e tastiera, e per era un bel problema lavorare dovendo gestire fatture e bollette varie (come forse ti ho già detto, facevo la contabile). quindi quando ho risistemato questa stanza che di fatto è sempre stata il mio studio, ho preso questa scrivania che ha due cassetti laterali estraibili che si aprono in diagonale (il piano di fatto è un esagono irregolare) e che sono utilissimi se si necessita di spazio aggiuntivo, inoltre ha un ripiano rialzato più stretto. in questo modo ho potuto mettere su questo ripiano rialzato lo schermo e la stampante, e sotto ho comunque una scrivania tutta intera e libera. quando ho smesso di lavorare, sono stata ben felice di avere questa comoda postazione, visto che uso moltissimo il computer anche ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Guchi,
      Sembra davvero una soluzione comoda per chi ha necessità di un piano di lavoro spazioso. :)
      A casa per fortuna io uso pochissima carta (in ufficio è tutta un'altra storia). Noi abbiamo il pc fisso (nella foto) e poi un piccolo netbook che uso quasi esclusivamente io per aggiornare il blog o girare su internet (per lavori di grafica invece preferisco usare il pc fisso).
      Non avendo il televisore, noi usiamo davvero molto il pc fisso, anche per vedere film, documentari...

      Elimina
  2. stupendo! Io il Pc lo tengo o sulla scrivania, oppure quando lavoro sul letto o sul divano, ho comprato un "appoggia" Pc. Comodissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me capita di usare il portatile sul letto... anche se a volte mi capita di addormentarmi con la testa sulla tastiera... :(

      Elimina
  3. Ottima l'idea che hai avuto. Spesso adattare le cose è la soluzione migliore.
    Per quanto mi riguarda, appoggio il notebook sul tavolo-tutto-fare che uso per il bricolage, lo studio ecc. Un tavolo che è stato rimesso assieme dopo aver subito varie peripezie... ma è di una misura talmente strana e va bene ovunque per qualsiasi cosa. Mai me ne separerò.
    Scan/stampante/router & company sono invece in un tavolino accanto, mezze nascoste. Praticamente non si vedono fili perché tutto ho fatto in modo che si infilasse sotto il piano del mobile (ho messo diversi ganci e i fili restano sospesi senza toccare terra e senza essere visti).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daffo,
      I fili effettivamente sono la parte più "fastidiosa" da gestire se si ha un ufficio a vista.
      Dalla foto non si capisce, ma il mobiletto si trova tra il tavolo e la parete, quindi sia il mobiletto che i fili non si vedono tanto (e come già detto si possono spostare in un'altra stanza), altrimenti probabilmente adotterei anch'io qualche soluzione per nasconderli alla vista. :)
      Sarei curiosa di vedere il tuo tavolo. :)

      Elimina
  4. Molto carino davvero, ti è riuscito benissimo e il colore bianco gli ha dato un tocco di fresco.brava!!
    ciao ciao Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra.
      Concordo, il bianco sicuramente da un aspetto più fresco e mi piace di più del colore originale (così poi si integra meglio col resto della stanza).

      Elimina
  5. Ah Madie, che pazienza!!!
    Complimenti davvero. Io una volta ho dipinto di arancione uno scaffale, ci ho impiegato 3 giorni ed alla fine ero distrutta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arianna,
      Per fortuna la pazienza ce l'ha messa tutta Marco. :)
      Grazie mille dei complimenti. ;P

      Elimina
  6. Che bravi ! Il fai da te non fa per me !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie,
      Beh, guarda il lato positivo, almeno sai già che il fai-da-te non fa per te... e non finirai per spendere una carriolata di soldi al brico per qualche progetto che rimarrà per anni incompleto nel ripiano alto dell'armadio... (sto tirando a indovinare) :D

      Elimina

Grazie per essere passato dal mio blog.
Lascia un commento e sarò felice di risponderti.